Descrizione

Descrizione

Il parco faunistico è ubicato nel comune di Sessa Cilento nella vallata della Fiumara di Santa Lucia, in prossimità della località Felittopiano, utilizzando una superficie di circa 15.000 mq. che è stata completamente recintata.
Il terreno utilizzato, completamente pianeggiante è composto per la quasi totalità da aree a pascolo con piccoli cespugli sparsi, massi e siepi.

Strutture

All’interno della recinzione sono state realizzate numerose voliere di varia ampiezza coperte mentre la restante zona è stata lasciata libera e senza copertura per l’allevamento di mammiferi ed uccelli non adatti al volo. L’ampiezza delle voliere è determinata in funzione delle specie e del numero di soggetti allevati, che vanno da un minimo di 10/12 mq per gli uccelli di piccola taglia, ad un massimo di 3000 mq  per gli animali di media/grande taglia. Anche l’altezza delle stesse é varia a seconda delle specie allevate. Tutte le voliere sono coperte (sia per evitare la fuga degli uccelli alloggiati, sia per evitare pericoli di contagio da uccelli liberi e sia anche per impedire l’accesso ai predatori alati). All’interno delle stesse erano già presenti o nel caso di assenza sono state piantate e/o saranno piantate numerose piante o arbusti, preferibilmente sempreverdi per ricreare per gli animali degli ambienti il più verosimile possibile al loro ambiente naturale, per permettere agli animali ospitati di ripararsi dal sole nei periodi di maggiore caldo, per appollaiarsi durante il riposo notturno e soprattutto per permettere agli animali ospitati di riprodursi con facilità.

Animali allevati

Sono allevati soprattutto uccelli sia autoctoni che esotici, ma anche mammiferi, rettili ed altri animali di piccola/media taglia. Il numero degli animali ospitati nelle singole voliere è molto limitato, tanto per il benessere degli animali che soffrono per il sovraffollamento quanto anche per permettere la loro riproduzione. Gli animali in esubero saranno ceduti.

Alimentazione

Per l’alimentazione sono state realizzate delle mangiatoie con tettoia, di varia grandezza che sono poste ad altezze diverse a seconda degli animali ospitati, comunque facilmente accessibili agli stessi. Nel caso di voliere con un numero elevato di uccelli ospitati (uccelli di piccola e media taglia in colonia) sono stati creati vari punti di alimentazione per evitare la competizione. Per gli animali erbivori sono state realizzate delle strutture in legno, chiuse almeno su due lati (quelle sottoposte a vento, per permettere il ricovero notturno o in caso di intemperie e on rastrelliere di varia misura a seconda degli animali, per la distribuzione di foraggio o altri alimenti. Per l’approvvigionamento idrico si è provveduto a prelevare l’acqua da un pozzo sorgivo esistente sulla proprietà e mediante una capillare rete di tubazioni è stata condotta l’acqua in tutte le voliere e le recinzioni. Gli abbeveratoi sono stati realizzati mediante impermeabilizzazione, di conche ed avvallamenti del  terreno già esistenti e/o in caso di assenza, le conche sono state realizzate utilizzando e consolidando tra di loro gli enormi massi presenti nelle voliere.